Avvisi

 

 


Il pensiero

 

Domenica 01 agosto 2021


 

 


 

 

Carissimi amici di Montà e S. Stefano,

subito dopo il grande segno della condivisione dei pani la folla cerca Gesù. Finalmente un Messia che risolve i problemi, anzitutto quello della fame. E Gesù scappa. Non hanno capito. Lui non è quel messia che loro pensano di aver trovato. La folla ha visto il prodigio ma non vi ha letto il segno, ciò che quell’azione di Gesù significava. Gesù sa benissimo perché lo cercano: “Voi mi cercate perché avete mangiato e vi siete saziati. Procuratevi il cibo che non perisce, quello che dura per la vita eterna” (Gv 6,26-27). In greco “vita” si può dire “bios”, la vita fisica, biologica, e “zoè”, la vita interiore, spirituale. Questa è quella senza fine. La vita, fisica e spirituale, ha bisogno di essere nutrita. La vita è il risultato delle nostre scelte. Ritroviamo ciò che abbiamo costruito. Ciò che non nutriamo, di cui non ci prendiamo cura, muore! La vita biologica si nutre di cibo, acqua. La vita spirituale di silenzio, stupore, conoscenza, emozioni, preghiera, amore, gratuità, entusiasmo. La vita spirituale si nutre di Dio! Gesù ha appena compiuto il “segno” al quale tiene di più, il pane condiviso, ed è poi quello più frainteso, il meno capito. La gente infatti lo cerca, lo raggiunge e vorrebbe accaparrarselo come garanzia contro ogni fame futura. Ma il Vangelo di Gesù non fornisce pane, bensì lievito mite e possente al cuore della storia, per farla scorrere verso l’alto, verso la vita indistruttibile. Davanti a loro Gesù annuncia la sua pretesa, assoluta: come ho saziato per un giorno la vostra fame, così posso colmare le profondità della vostra vita! E loro non ce la fanno a seguirlo. Come loro anche noi, che siamo creatura di terra, preferiamo il pane, ci fa vivere, lo gustiamo, è così concreto e immediato. Dio e l’eternità restano idee sfuggenti, vaghe, poco più che un fumo di parole. Gesù non disprezza il cibo materiale ma, sapendo che “non di solo pane vive l’uomo” come dice il deuteronomio, esorta a lavorare per quel cibo che dà la vita per sempre, cibo che solo lui può dare. Cerchiamolo insieme!

Buona domenica e… buone vacanze anche per chi rimane a casa ma trova ristoro in Gesù e nei fratelli.

Buona settimana.

Don Paolo, don Dario, fra Luca, diacono Pierlorenzo

 


Iniziative

 

 

 

 


Le nostre fotografie

 

 

 

 


Altri siti